Le condizioni economiche generali dei conti carta

Guida generali ai costi di gestione dei conti corta

Prima di scegliere tra un ventaglio di conti carta disponibili sul mercato dei prodotti finanziari, un’operazione da compiere è quella che consente il confronto dei costi totali di gestione che bisogna sostenere annualmente. Questi sono dati dalla somma di costi fissi e costi variabili.

Ovviamente bisogna tenere conto delle proprie esigenze personali. Purtroppo i costi variabili collegati all’utilizzo del conto carta possono variare a seconda della natura dell’operazione finanziaria da compiere.

Sulla base di alcuni parametri (età del cliente, accredito dello stipendio, eccetera), inoltre, anche i costi fissi possono assumere diverse proporzioni. L’aspetto positivo è che rispetto ai costi fissi previsti per la gestione di un conto corrente, quelli di un conto carta sono mediamente più bassi.

Il conto carta prevede il sostenimento di alcuni costi fissi di gestione, come il pagamento di un canone annuale e di una cifra variabile per l’emissione della carta. Anche per ricaricare la carta bisogna sostenere dei costi che possono essere ridotti o annullati se l’operazione viene eseguita sul web.

Per cercare di ridurre i costi di gestione dei propri strumenti finanziari di pagamento, tra cui anche la carta conto, è consigliabile operare il più possibile on-line, in quanto le banche applicano degli sconti nei confronti degli utenti che effettuano operazioni in tutta autonomia dal proprio PC o dispositivo mobile.

Ecco in sintesi quali sono i parametri più comuni che incidono sulla determinazione dei costi del conto carta:

Costi fissi: sono quei costi che bisogna sostenere nel momento in cui si attiva la carta. Essi quasi sempre sono rappresentati da canone annuali e dal costo per l’emissione della carta. Per il conto carta vi è l’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo.

Costi variabili: essi tendono a variare sulla base della quantità di servizi utilizzati (pagamenti, versamenti, metodi di pagamento, eccetera) dal cliente e dal numero di depositi compiuti.

Note a proposito di “Guida ai conti carta: la guida sui conti carta è stata redatta a partire dal 24 novembre 2016. Ultima modifica effettuate 9 dicembre 2016.