Agevolazioni fiscali 2016 per acquisto prima casa

Nel 2016 sono previste nuove agevolazioni fiscali per coloro che hanno intenzione di acquistare la prima casa. Tra le interessanti e vantaggiose novità introdotte dalla Legge di Stabilità a beneficio di chi acquista una casa da adibire a prima abitazione, rientrano per esempio: la riduzione di Iva e imposta di registro, la riconferma degli ecobonus per il 2016 e l’abolizione della Tasi per proprietari e inquilini in affitto, purché si tratti sempre di prima casa.

Le abitazioni di lusso che rientrano nelle categorie catastali A1, A8 e A9, risultano però esonerate dalle nuove agevolazioni fiscali introdotte.

Chi vuole acquistare un’altra casa da adibire ad abitazione principale, vendendo il vecchio immobile entro un anno dalla data del rogito, da quest’anno può richiedere l’imposta di registro agevolata al 2%, anche se ne ha già usufruito in passato. Bisogna tener presente, però, che può beneficiare di tale agevolazione soltanto chi risiede nel Comune in cui è situato l’immobile acquistato o, in alternativa, chi si impegna a spostarvi la residenza entro 18 mesi dall’acquisto della casa.

Fino allo scorso anno, chi decideva di comprare casa da un privato risultava maggiormente agevolato rispetto a chi acquistava direttamente dal costruttore. Se nel primo caso, infatti, era previsto il pagamento dell’imposta di registro al 2%, oltre che 50 euro fissi per l’imposta ipotecaria e catastale, nel secondo caso veniva applicata l’Iva al 4%, con spese fisse pari a 200 euro.

Da quest’anno, invece, anche per chi acquista direttamente dal costruttore è prevista l’Iva agevolata, con la possibilità di detrarre dall’Irpef il 50% dell’Iva riportata in fattura. La detrazione sarà suddivisa in 10 rate di uguale importo che verranno percepite a partire dall’anno in cui è stato effettuato l’acquisto, e per i nove periodi di imposta successivi. Per poter beneficiare della nuova agevolazione, inoltre, è necessario che l’immobile acquistato appartenga alla classe energetica A o B.

Anche per il 2016 sono stati riconfermati gli ecobonus; in particolare, chi avvia lavori di ristrutturazione della propria casa potrà beneficiare della detrazione del 50%, o del 65% se si effettuano opere di riqualificazione energetica del proprio immobile.

I proprietari di prima casa o gli inquilini che decidono di affittare un appartamento e adibirlo ad abitazione principale, a partire da quest’anno sono esonerati dal pagamento della Tasi, ovvero la Tassa sui Servizi Indivisibili, di cui i Comuni si servono per finanziare opere quali pubblica illuminazione, manutenzione della rete fognaria, ecc. Si stima che saranno circa 19 milioni le persone che potranno beneficiare di questa novità introdotta dalla Legge di Stabilità 2016, per un risparmio totale di oltre 3,7 miliardi di euro.

Sebbene non vi siano particolari novità relativamente a questo ambito, ricordiamo infine che sono previste particolari agevolazioni fiscali da parte dello Stato per gli under 35 che vogliono richiedere un mutuo per la prima casa.

Leggi anche