Più semplice chiudere conto corrente BancoPosta di Poste Italiane

Poste Italiane23 agosto 2014. Fino a ieri, chi possedeva il conto corrente delle Poste Italiane, Conto BancoPosta, denunciava i ritardi sulle richieste di chiusura del conto.

A seguito di un’istruttoria avviata nel novembre 2013 da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, Poste Italiane si è impegnata a estinguere i conti correnti in tempi brevi, nell’arco massimo di 15 giorni. La presa di posizione di Poste Italiane, è valida per tutti i prodotti conto corrente offerti dal gruppo, come il Conto BancoPosta Click.

L’Antitrust, accettati gli impegni presi da “Poste Italiane” sulla celerità della chiusura dei conti correnti postali, riconoscendo il vincolo di Poste Italiane a rimborsare i propri ex clienti, che hanno chiuso in passato il contratto di conto corrente, per i disagi arrecati a causa della pratica commerciale scorretta.

Nello specifico, Poste Italiane si impegna a sanare le pratiche scorrette in essere con il cliente e rendere maggiormente trasparenti gli adempimenti necessari alla chiusura del conto corrente, sospendendo le spese di tenuta conto dal giorno della richiesta di chiusura.

Inoltre, Poste Italiane, garantirà la tempestiva comunicazione al correntista del giorno effettivo dell’estinzione del conto e dell’esistenza di possibili cause ostative al completamento della procedura per la chiusura del Conto BancoPosta.

In ogni caso, Poste Italiane non può richiedere somme forfettarie da versare sul conto corrente se presenta un saldo passivo.

Per chi ha già estinto un Conto BancoPosta dopo l’1 settembre 2007, può richiedere a Poste Italiane il rimborso delle spese di tenuta conto per i giorni di chiusura eccedenti i 15 giorni disposti per legge.

Leggi anche