Avallo cambiario e coavallo

Cos’è l’avallo cambiario, l’avallante, il coavallo e il coavallante.

Definizione e finalità dell’avallo cambiario. Per offrire al portatore della cambiale maggiori garanzie di solvibilità della cambiale, una terza persona (avallante) può apporre la propria firma sulla cambiale al fine di farsi carico del pagamento del titolo di credito se l’emittente cambiario non onorasse il pagamento.

Anche la sola sottoscrizione ha valore di avallo, a condizione che non si tratti del traente, del trattario o dell’emittente.

Simile alla fideiussione, con la differenza che l’avallo cambiario obbliga l’avallante al pagamento della cambiale se l’emittente non onora in tutto o in parte l’estinzione del valore del titolo.

Quindi, con l’avallo cambiario l’avallante assume la figura di obbligato cambiario, rispondendo in solido del pagamento della cambiale, con gli stessi obblighi dell’avallato, cioè il soggetto principale che emette la cambiale.

Avallo cambiario, avallante e coavallanteLa presenza di più avallanti, da origine al coavallo, in cui tutti i gli avallanti, coavallanti, assumo in solido il pagamento della cambiale.

L’indicazione di coavallo cambiario deve essere apposta sulla cambiale o sull’allungamento della stessa, e deve essere indicata con il termine “per avallo” o dicitura simile; la firma del coavallante deve essere posta sul lato anteriore della cambiale.