Estratto conto

In questa guida spiegheremo che cos’è un estratto conto quali sono le voci presenti

L’estratto conto è un documento informativo, che le banche inviano in formato cartaceo o digitale, ai titolari di conti correnti, riportante il riepilogo di tutte le transazioni finanziarie (bonifici in ingresso e in uscita, ricariche telefoniche, accrediti di pensione o stipendi, pagamento delle utenze, spese di gestione del conto corrente, ecc.) eseguite in un determinato periodo di tempo.

Tali operazioni sono ordinate per data di esecuzione.

Nell’immagine seguente riportiamo un esempio di un estratto conto di un classico conto corrente con le principali voci:

Report di un estratto conto corrente

La data delle operazioni

La data indica il giorno in cui è stata messa a bilancio un’operazione finanziaria.

La data di valuta

La data di valuta, indica la data in cui l’operazione bancaria ha effetto sul capitale disponibile nel conto corrente.

Dall’immagine di esempio, prendiamo in considerazione l’operazione bancario eseguita in data 01 aprile: il titolare del conto corrente ha versato un assegno fuori piazza (emesso da un’istituto bancario diverso) del valore di 2850,00 euro; l’importo nominale dell’assegno non sarà immediatamente disponibile, poiché la banca impiega alcuni giorni per ottenere l’effettiva somma dell’assegno da parte della banca che ha emesso il titolo.

Nel nostro caso i giorni necessari all’accredito del denaro sul conto saranno 5.  In pratica pur versando l’assegno in data 01 aprile:

  • l’importo/capitale inizierà a maturare interessi attivi (se previsti dalla banca) in data 06 aprile e:
  • non è possibile utilizzare la somma fino al medesimo giorno.

I giorni di valuta sono un parametro discrezionale di ogni istituto bancario, suscettibile a notevoli differenze tra i diversi istituti bancari.

Movimenti dare

La voce “movimenti dare” dell’estratto conto indica gli importi delle transazioni passive. I “movimenti dare” comprendono, ad esempio, i pagamenti effettuati con carte di credito, prelievi da ATM bancomat, bonifici in uscita, emissione di assegni bancari, pagamenti di bollette utenze (luce, acqua, gas, adsl, telefonia, ecc.), pagamenti delle rate di prestiti, mutui, leasing, ricariche telefoniche, pagamento di tasse e imposte, spese di tenuta conto, ecc.

Movimenti avere

I “movimenti avere” indicano tutte quelle operazioni eseguite sul conto corrente che sono a beneficio del titolare. I movimenti avere possono essere transazioni derivanti da accrediti stipendio o pensione, incasso di assegni circolari o bancari, versamenti in contanti allo sportello, bonifici in ingresso, ecc.

Descrizione delle transazioni

Nell’esempio di estratto conto riportato su questa wiki, è presente una colonna dal titolo “Descrizione”. Ogni operazione indicata sull’estratto conto (movimenti dare e avere) è seguita da una descrizione sulla natura del “movimento finanziario”. Le descrizioni delle operazioni possono riportare il nome della società o del privato che ha eseguito la transazione, codici di riferimento della banca sul tipo di operazione, informazioni sul servizio oggetto dell’operazione, ecc.

Nota sull’estratto conto digitale e cartaceo

Entrambi le versioni di estratto conto, digitale e cartaceo, riportano le stesse voci; tuttavia per l’invio dell’estratto conto cartaceo presso il proprio domicilio, la banca può chiedere un rimborso sulle spese di spedizione. L’estratto conto digitale nel 99% dei casi non prevede costi da parte del correntista.

Related Posts